Abilitato all’esercizio della professione di dottore commercialista nella sessione del 1998

Per revisori
Rispondi
alker
Matricola
Matricola
Messaggi: 2
Iscritto il: 23/09/2019, 19:38

Abilitato all’esercizio della professione di dottore commercialista nella sessione del 1998

Messaggio da alker » 24/09/2019, 1:57

Gentilmente, vorrei avere informazioni circa i requisiti previsti per l'iscrizione al Registro dei revisori legali.
L’art. 4bis del Decreto n. 63/2016 prevede che, ai fini dell'iscrizione al Registro dei revisori legali, sono esonerati dall'esame di idoneita' i soggetti che hanno superato gli esami di Stato di cui agli articoli 46 e 47 del decreto legislativo 28 giugno 2005, n. 139, istituendo per gli stessi un esame integrativo.

E coloro che hanno superato gli esami di Stato con la norma precedente, integrati con le materie di cui all’articolo 4 del D.lgs. 88/92 con il D.M. 24 ottobre 1996, n. 654?


Il DPR 99/98, istitutivo del registro del tirocinio, prevedeva che per dimostrare l’avvenuto compimento della pratica professionale il tirocinio triennale svolto presso un revisore
contabile concluso prima del 16 aprile 1998, data di entrata in vigore , non necessitava di iscrizione a quest’ultimo e per dimostrare l’avvenuto compimento della pratica professionale la cui data di riferimento era quella attestata dal revisore presso cui il tirocinio è stato svolto.
L’11 settembre 2012 la Ragioneria Generale dello Stato, in merito il regolamento in applicazione del D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 39, D.M. 25 giugno 2012, n. 146, , riguardante il tirocinio per l'esercizio dell'attività di revisione legale chiariva che i tirocinanti già precedentemente iscritti al registro del tirocinio di cui al D.P.R. n. 99/1998 transitano automaticamente nel nuovo registro e per essi non si configurano immediati adempimenti aggiuntivi e che nessuno adempimento è richiesto, inoltre, a coloro i quali hanno svolto e regolarmente completato il tirocinio sulla base delle previgenti disposizioni.
La disposizione previgente era la legge che ha istituito il tirocinio per i Dottori Commercialisti (L. 17.2.92, n. 206) stabiliva che detto tirocinio "se compiuto presso un dottore commercialista che sia revisore dei conti, è valido anche agli effetti di quanto disposto dalla direttiva 84/253/CEE ...". Disponendo inoltre, che "l'esame di abilitazione, ..., integrato con le materie ... della suddetta direttiva, è sostitutivo di quello previsto dalla direttiva medesima".

Ai sensi del Decreto n. 63/2016 l’avvenuto compimento della pratica professionale, svoltasi presso un revisore contabile e conclusasi prima del 16 aprile 1998, è dimostrabile con la data di riferimento attestata dal revisore presso cui il tirocinio è stato svolto?


Posso presentare direttamente domanda di iscrizione nel registro dei revisori legali essendo abilitato all’esercizio della professione di dottore commercialista nella sessione del 1998 ed avendo svolto il tirocinio triennale presso un revisore contabile prima del 16 aprile 1998, data di entrata in vigore del DPR 99/98 istitutivo del registro del tirocinio?


Ho sostenuto con esito positivo l’esame per l’abilitazione alla professione di dottore commercialista, integrato con le materie di cui all’articolo 4 del D.lgs. 88/92 con il D.M. 24 ottobre 1996, n. 654, nella seconda sessione del 1998.

Ho compiuto il tirocinio triennale presso un revisore contabile prima del 16 aprile 1998, data di entrata in vigore del DPR 99/98 istitutivo del registro del tirocinio.

La legge che ha istituito il tirocinio per i Dottori Commercialisti (L. 17.2.92, n. 206) stabilisce che detto tirocinio "se compiuto presso un dottore commercialista che sia revisore dei conti, è valido anche agli effetti di quanto disposto dalla direttiva 84/253/CEE ...". Dispone inoltre, che "l'esame di abilitazione, ..., integrato con le materie ... della suddetta direttiva, è sostitutivo di quello previsto dalla direttiva medesima".
Alla data del 16 aprile 1998, per effetto dell’entrata in vigore del DPR 99/98 istitutivo del registro del tirocinio, era necessaria la preventiva iscrizione a quest’ultimo per dimostrare l’avvenuto compimento della pratica professionale. la commissione centrale per i revisori contabili aveva assunto criteri molto restrittivi: Se il tirocinio iniziava dopo l'istituzione del registro del tirocinio (16.10.98), lo stesso veniva riconosciuto a partire dalla data di iscrizione in tale registro, che avveniva a seguito dell'esame della domanda da parte dell'apposita Commissione. Per il tirocinio svolto prima del 16 aprile 1998, la data di riferimento è quella attestata dal revisore presso cui il tirocinio è stato svolto (in questo caso con dichiarazione è autenticata ai sensi dell'art. 43 del DPR 99/98);
Avendo compiuto il tirocinio triennale presso un revisore contabile prima del 16 aprile 1998, data di entrata in vigore del DPR 99/98 istitutivo del registro del tirocinio, non dovevo procedere all’ iscrizione a quest’ultimo per dimostrare l’avvenuto compimento della pratica professionale.
L’art. 5 D.Lgs. 88/92 prevedeva l’esonero totale dell’esame e la presentazione diretta della domanda di iscrizione nel registro dei revisori a coloro erano abilitati all’esercizio della professione di dottore commercialista a partire dalla prima sessione del 1997 che avevano svolto il tirocinio triennale presso un revisore contabile.

Il revisore contabile ha rilasciato apposita sottoscrizione autenticata ai sensi dell’art. 20 della Legge 15/1968 attestante il compimento del tirocinio.

Il D. Lgs. 27.01.1992, n. 88 prevedeva due modalità per ottenere l’abilitazione:
- esame ad hoc da revisore legale; una sessione all’anno; svolto presso Ministero della Giustizia; oppure, in alternativa
- esame da dottore commercialista o esperto contabile (due sessioni all’anno; svolto presso le Università); equipollente a esame da revisore (equipollenza diventata efficace a partire dal 1997).
. • Il successivo D. Lgs. 27.01.2010, n. 39 prevedeva invece:
- un’unica modalità per ottenere l’abilitazione da revisore, quella dell’esame ad hoc;
- nuove regole per l’esame ad hoc, in particolare: due sessioni all’anno; svolto presso il MEF (Ministero Economia e Finanza); nuovi contenuti delle prove d’esame.
Tuttavia, fino all’emanazione del decreto attuativo del D. Lgs., prevedeva ancora anche l’equipollenza fra esame da dottore commercialista e revisore. Il decreto attuativo è stato emanato dopo sei anni, nel 2016.
In data 11 settembre 2012 la Ragioneria Generale dello Stato, in merito l’applicazione dei tre decreti ministeriali portanti i regolamenti in applicazione del D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 39:
1) Del D.M. 20 giugno 2012, n. 144, concernente le modalità di iscrizione e cancellazione dal Registro dei revisori legali;
2) del D.M. 20 giugno 2012, n. 145, concernente i requisiti di iscrizione per le persone fisiche e le società di revisione e l’iscrizione dei revisori di altri Stati membri dell’UE o di altri Paesi;
3) del D.M. 25 giugno 2012, n. 146, riguardante il tirocinio per l'esercizio dell'attività di revisione legale.
ha chiarito che i tirocinanti già precedentemente iscritti al registro del tirocinio di cui al D.P.R. n. 99/1998 transitano automaticamente nel nuovo registro e per essi non si configurano immediati adempimenti aggiuntivi.
Nessuno adempimento è richiesto, inoltre, a coloro i quali hanno svolto e regolarmente completato il tirocinio sulla base delle previgenti disposizioni.

I revisori ed i tirocinanti che presenteranno richiesta di iscrizione nei rispettivi registri a far data dal 13 settembre 2012 saranno interamente assoggettati alla nuova disciplina.

Il D.M. attuativo 19.01.2016, n. 63 (i cui contenuti sono stati chiariti dalla nota ministeriale 10084 del 31-3-2017) prevede che, a partire dalle sessioni di esame del 2017:
- chi desidera solo l’abilitazione come revisore, deve superare l’esame da revisore presso il MEF (due sessioni l’anno)
- chi desidera sia l’abilitazione come dottore commercialista (o esperto contabile) che come revisore:
1) se non ha ancora superato l’esame da dottore commercialista (o esperto contabile), deve prima superare tale esame e poi fare solo una “integrazione” per ottenere l’abilitazione anche come revisore.
2) chi ha già superato in passato l’esame da dottore commercialista (o esperto contabile), deve solo fare l’“integrazione” per ottenere l’abilitazione anche come revisore. Nota bene: Sia l’esame per dottore commercialista che quello per esperto contabile danno accesso all’integrazione per revisore legale.

Al tempo, l’esercizio professionale della funzione di revisore contabile, disciplinata dal D. Lgs. n.88 del 27.01.1992, l’abilitazione all’esercizio della revisione legale prevedeva il superamento dell’esame di idoneità professionale, l’aver svolto un periodo di tirocinio e all’iscrizione nello specifico albo.
La stessa norma sanciva l’equipollenza dell’esame da dottore commercialista a quello da revisore per gli abilitati dall'anno 1997 in possesso dei requisiti previsti dal comma 2, articolo 3 d.lgs. 88/92, concedere l'idoneità all’esercizio della professione di Revisore legale.

Pertanto a gennaio 1999 potevo avvalermi dell’esonero totale ex art. 5 D. Lgs. 88/92 e presentare direttamente domanda di iscrizione nel registro dei revisori essendo abilitato all’esercizio della professione di dottore commercialista successivamente la prima sessione del 1997 e avendo già svolto il tirocinio triennale presso un revisore contabile.

Ho ritenuto non opportuno iscriversi al Registro dei Revisori contabili prima e dei Revisori Legali poi.

Le nuove regole per l'esame di idoneità professionale del revisore legale entrate in vigore dal19 maggio 2016 prevedono che per l'iscrizione al Registro dei revisori legali è necessario aver superato un esame, che consiste in prove scritte ed orali volte ad accertare il possesso delle conoscenze teoriche necessarie per l'esercizio della professione.
Sono ammessi a sostenere l'esame coloro che:
- hanno conseguito una laurea almeno triennale, tra quelle individuate con regolamento dal MEF;
-sono in possesso dell'attestato di compiuto tirocinio.

Sono ammessi anche coloro che, alla data di pubblicazione in GU del Regolamento, hanno regolarmente completato il tirocinio previsto dall'articolo 5 del Dpr 6 marzo 1998, n. 99, come pure coloro i quali risultano iscritti, alla data di entrata in vigore del regolamento di cui all'articolo 3, comma 8 del decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, al registro del tirocinio previsto dall'articolo 5 del Dpr 6 marzo 1998, n. 99, ed abbiano, alla data di presentazione della domanda, concluso regolarmente il tirocinio stesso.
Secondo il decreto n. 63/2016, ai fini dell'iscrizione al Registro dei revisori sono esonerati dalle prove scritte e orali previste in campo economico e giuridico coloro che hanno già superato l'esame di Stato da dottore commercialista ed esperto contabile, mentre dovranno sostenere le prove scritte ed orali sulle materie tecnico-professionali e della revisione, incluso un quesito a contenuto pratico attinente l'esercizio della revisione legale.
Rispondi